• mariofornasari

Il bazooka sprecato


È BASTATA una semplice indiscrezione, come sempre lasciata filtrare ad arte dai banchieri di Francoforte, per spostare decine di miliardi e innervosire le piazze finanziarie già stressate da Brexit, rallentamento della crescita e dubbi amletici sulle banche: l’ipotesi che la Bce di Mario Draghi possa ridurre la liquidità immessa sui mercati, oggi di 80 miliardi al mese, ha rafforzato l’euro e indebolito i titoli di Stato dei paesi più fragili, com’è l’Italia. Non sono servite le smentite: lo spread tra il Btp e il Bund è risalito di una decina di punti, attorno a 135, e il rendimento del decennale tricolore si è spinto sopra 1,34 per cento.

L’orientamento è evidente: se diminuiscono gli acquisti della Banca centrale europea, i bond sovrani dell’Italia finiscono per soffrire e si rimettono in discussione i conti dello Stato. Gli effetti della strategia monetaria di Draghi sono stati del tutto salutari per le nostre casse: prima del quantitative easing, partito nel marzo dello scorso anno, abbiamo pagato 85 miliardi di oneri sul debito pubblico nel 2012, scesi a 77 nel 2013, diminuiti ancora a 74 nel 2014 e fino a 68 nel 2015. Risparmi tanto consistenti avrebbero dovuto dar respiro al nostro paese e finanziare riforme, crescita e risanamento dei conti, secondo l’auspicio del banchiere centrale.

MA i risultati paiono al di sotto delle aspettative: il debito pubblico è salito da 2.069 miliardi del 2013 a 2.252 miliardi del luglio 2016, stando ai dati di Bankitalia. Il gettito delle imposte è aumentato da 486 miliardi del 2012 a 492, la pressione fiscale è diminuita di un modesto 0,2%, al 43,4 per cento nel 2015. Le entrate sono salite in quattro anni da 771 miliardi ai 784 miliardi del 2015, le uscite sono passate da 818 a 827 miliardi. Insomma, i conti non tornano e la crescita resta debole, stimata allo 0,8% nell’anno in corso e all’1% nel 2017. Non può dunque meravigliare se investitori e risparmiatori stanno premiando gli spagnoli con acquisti sui bond iberici, preferiti a quelli italiani: la crescita di Madrid è tripla rispetto alla nostra.

Un ulteriore pericolo arriverà dalla speculazione, sempre puntuale: se la Bce diminuirà progressivamente gli acquisti fino ad azzerarli, come previsto per la primavera 2017, la turbolenza su Btp e Bot sarà inevitabile. Uniche beneficiarie potrebbero essere le banche, ieri in crescita, purché non siano imbottite con titoli di nazioni periferiche.

#Ecb #Bce #Draghi #governo #manovra #Btp #Bot #risparmio #debitopubblico #tasse #imposte #Brexit #Borse

3 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Draghi non fa sconti

In un passaggio senza fronzoli né veli retorici il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha reso evidente l’abisso tra le élite che governano l’Europa e i cittadini che subiscono le d

© 2023 by mario fornasari. Proudly created with Wix.com

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now